martedì 21 febbraio 2012

“Stando alla carta”


Ci sono cose che quando tornano sembrano farlo apposta per ferirti. Può essere passato del tempo, possono essere argomenti che “stando alla carta” non ti riguardano più…e invece…no. Invece ti prendono e ti sconvolgono, ancora e ancora e ancora…





La straordinaria capacità di queste notizie è quella di arrivare sempre nei momenti di disarmo, di non protezione. Che il Caso l’abbia fatto apposta? Eh si, coincidenze. Ma di questo abbiamo già parlato, già detto, già fatto!
Voglia di tornare a capo e trovare un foglio bianco immacolato ancora tutto da scarabocchiare, disegni nuovi sui quali fantasticare, parole desuete da ricordare; o magari no…trovare disegni cominciati e non finiti, parole inventate a metà e troppe poche volte usate. E ritrovarsi una cicatrice in fondo allo stomaco, una di quelle che non va via.
E sperare ancora che sia la serata o la paura dell’altra sera di aver finito il tempo. E domani, forse, domani tornerà essere bel tempo.

Ecco la colonna sonora di questi pensieri…cliccate qui.